Una lacrima mille sorrisi

L’abbandono è il male del secolo, una vera forma di schiavitù moderna che priva milioni di bambini della libertà di essere figli.

Sono circa 30mila i minori in Italia che vivono fuori dalle loro case d’origine: bambini orfani, abbandonati dai genitori naturali o addirittura dalla famiglia adottiva.
Sono per lo più giovani, con un’età tra i 18 e i 30 anni, le madri che hanno deciso di abbandonare i loro figli, per paura di non farcela a crescerli da sole, perché troppo giovani o con disagi psichici o sociali.
I motivi dell’abbandono, al primo posto troviamo il disagio psichico e sociale (37,5%), seguito dalla paura di perdere il lavoro o più in generale dai problemi economici (19,6%).
La paura di essere emarginate o di dover crescere un figlio da sole è un motivo scatenante per il 12,5% delle donne, segue la coercizione per il 7,1%; la giovane età (5,4%); la solitudine (5,4%) e la violenza (1,8%).
Per prevenire lo stato di abbandono dei figli bisogna prima di tutto assicurare sostegno e assistenza, iniziando dalle politiche per la famiglia e per l’infanzia, da una maggiore integrazione e collaborazione tra attività istituzionale, ospedaliera e territoriale, assicurando una migliore presa in carico del bambino da parte di Consultori e Servizi sociali.